FAQ. Indagini digitali

Cosa sono le fake news?

Con il termine fake news, ci si riferisce a notizie false, generalmente divulgate tramite articoli redatti con informazioni fittizie (interamente o parzialmente), aventi lo scopo di utilizzare i mezzi di informazione per disinformare.

Cosa sono le fake news?


Generalmente le fake news sono gestite dai grandi media, ergo le televisioni e le più importanti testate giornalistiche. Nonostante ciò è indispensabile considerare l’evoluzione ed espansione dei social media, che ha contribuito all’aumento di diffusione delle suddette false notizie.

Nel libro "La guerra e le false notizie", di Marc Bloch, è spiegato che "Una falsa notizia è solo apparentemente fortuita, o meglio, tutto ciò che vi è di fortuito è l'incidente iniziale che fa scattare l'immaginazione; ma questo procedimento ha luogo solo perché le immaginazioni sono già preparate e in silenzioso fermento".

Al giorno d’oggi l’espressione "fake news” viene usata al fine di indicare fenomeni alquanto differenti tra loro.

Tra cui eventali errori di stampa, bufale, teorie complottiste, concetti satirici utilizzati impropriamente come fonti giornalistiche, la propaganda politica, la divulgazione di notizie infondate e trasmissione di informazioni false da parte di siti messi on-line esclusivamente per generare profitti da click-baiting.

Di recente è stato svolto un dibattito volto all’abolizione dell’uso di questo termine, soprattutto alla luce di dichiarazioni di importanti figure politiche che hanno impiegato il termine al fine di attaccare la stampa associata, giudicata come avversa e parziale nei confronti degli stessi.

Questo genere di notizie false viene anche scritto e pubblicato con lo scopo di catturare l'attenzione del lettore.

Si potrebbe intendere le fake news come un “virus” in grado di diffondersi tra tutti coloro che vengono sottoposti al contagio della disinformazione online e mediatica che, per converso, si riflette incondizionatamente e, spesso, inconsapevolmente, sull'opinione personle e pubblica.

Infatti, spesso le soluzioni a tale problematica sono simili ai programmi “antivirus”, creati con lo scopo di identificare la fonte primaria della fake news e riuscire bloccarla onde evitare di “infettare” ulteriori utenti.


Esistono sette diversi modi di generare disinformazione, individuati da Claire Wardle (Nel 2017 co-autrice del rapporto fondamentale, "Information Disorder": "Un quadro interdisciplinare per la ricerca e la politica" per il Consiglio d'Europa), nonchè di approccio, oseremmo dire "grammaticale", o "metodico" alla base della creazione di quasi tutte le fake news.

Tali metodologie potrebbe essere cosi riassunte:

- L'utilizzo di link di collegamento diretto o indiretto alle notizie, spesso, presumibilimente o certamente ingannevoli, quali, titoli, immagini, commenti o recensioni, che, quasi sempre, sono totalmente diverse dal contenuto pubblicato, sponsorizzato, etc.,

- La creazione di fonti artatamente e unicamente costruite per diffondere false infomazioni,

- Molto spesso il contenuto fake pubblicato risulta fasullo nella sua interezza, e quindi costruito unicamente per trarre in inganno il lettore, l'utente, etc.,  

- Altrettanto spesso tali messaggi, contenuti o immagini, video, etc, "fake" provengono da stralci di fonti autorevoli e verificati, che, tuttavia, vengono manipolate e modificate appositamente per migliorarne l'effetto di un distroto e falso "convincimento", sulle basi di mendaci attribuibilità.,  

- Esiste una manipolazione tesa a distorcere la satira, ovvero, di farne un'utilizzo finalizzato unicamente a trarre in inganno avvalendosi del sofisticato effetto psicologico da essa generato.

- Altresì i contenuti fake possono essere utilizzati attraverso l'ingannevole diffusione di infomazioni realmente esistenti, al fine di stravolgerne il contenuto, la comprensione, così da distorcerne od alterarne "il messaggio, la natura, l'essenza, etc., di problemi, tematiche, concetti, o peggio, l'immagine e la reputazione di una persona.

- Altro modalità di "avvicinamento" delle fake news è data dall'apporto di informazioni, commenti e contenuti, distorti, etc., interamente distrorti che vengono "connessi" o attribuiti a notizie o informazioni reali, 

Al fine di spiegare perché vengono creati questi contenuti, la stessa Claire Wardle, è stata in grado di elaborare uno schema che incrocia i sette modi di fare disinformazione con otto possibili motivazioni, utili a spiegare perché tali contenuti vengono prodotti: propaganda, profitto, influenza politica e interesse particolare.

Oltre alle sopracitate motivazioni, la stessa Claire Wardle, ne ha successivamente identificate altre quattro, tra cui:

- faziosità, estremismo,

- mancata verifica delle fonti, diffusione di notizie distrorte, cattivo giornalismo,

- satira, parodia, diffamazione light, etc. 

- scherno, provocazioni, etc.

Difatti esistono diversi fenomeni che permettono di favorire la diffusione, anche su larga scala, dei contenuti volta a volta appositamente distorti o falsi, tra cui, quattro canali principali:

- la condivisione volontaria o meno di contenuti evidentemente distorti da parte dell'universo degli utenti dei social network, che, senza lacun genere di preventiva verifica, pubblicano, postano, ritwittano, in breve, divulgano, fake news o notizie del tutto o, in parte, inattendibili.

- la sovrabbondante ed amplificata diffuisione di contenuti e di informazioni da parte dei diversi enti di stampa, editoria, mass media, etc., che, sempre più spesso, si occupano anche di divolgare in tempo reale le notizie proveninenti dal web dai social, senza accurati o, adeguati, strumenti di verifica.  

- gruppi di influencer, organizzati o meno tra loro, piccoli editori, parti di collettivi privati, circoli, associazioni culturali, sportive, etc., impegnati nelle diverse cause pro bono o meno, che tentano di accrescere la loro presenza e di influenzare, o portare in evidenza pubblica le proprie opinioni,

- apposite campagne di sempre più sofisticata disinformazione organizzata, tra cui fake industies, utenti "macchina" gestiti da software (fabbriche di bot e troll, etc.), o società ad esso dedicate, 

Ulteriori indicazioni volte a contrastare la diffusione di fake news, ci vengono forniti da Margareth Sullivan sul The Washington Post, le cui linee guida suggeriscono di:

- Consultare e confrontare la stessa notizia o contenuto, attraverso diverse fonti di infomazione, pubblica o privata,

- Di effettuare adeguante verifiche circa la provenienza e l'attendibilità delle fonti, prima condividere e diffondere contenuti, notizie e informazioni, sulle varie piattaforme digitali,

- Di attivarsi in tempestive correzioni a favore di eventuali notizie false o inattendibili, precedentemente ed erronemente proposte,

- L'assumere, sempre, un'atteggiamento adeguatamente diffidente, analitico, critico ed incuriosito nella ricerca di informazioni e notizie necessarie per l'apporto di costruttivi confronti, così da oggettivizzare centestuoli o futuri ragionamenti, pensieri e critiche.  

Nella storia sono inoltre presenti svariati esempi di questo fenomeno.

Difatti già nel 1809, un autore di saggi e racconti filosofici di nome Heinrich von Kleist, scrisse "Lehrbuch der französischen Journalistik" (Manuale del giornalismo francese), null'altro che una satira in reazione della propaganda di guerra di Napoleone.

Lo scopo di questo lavoro fu quello di chiarificare il processo attraverso il quale le fake news vengono diffuse e prodotte dai media.

Un rinomato esempio di fake news è risalente al 1814, in pieno periodo napoleonico, quando un uomo vestito da ufficiale si presentò in una locanda a Dover e dichiarò la sconfitta e la conseguente morte del personaggio più importante di quegli anni. appunto, Napoleone.

La notizia arrivò velocemente a Londra, sebbene essa fosse priva di certezze.

All'apertura della Borsa molti azionisti si precipitarono a investire convinti del fatto che Napoleone fosse ormai defunto, lasciando così il trono ai Borbone.

Venne alla luce ben presto che era stato tutto frutto di una menzogna, elaborata, presumibilmente per ragioni politiche, da Charles Random de Berenger.

Nel frattempo, sei persone avevano già venduto i propri titoli governativi per più di un milione di sterline, e i ritenuti colpevoli furono condannati.

Nonostante sia una fonte storica, di un avvenimento di molti anni fa, ciò rende possibile capire in che modo, semplicemente una notizia falsa, abbia causato una confusione tale da mandare in arresto la borsa valori inglese più importante.

Altro esempio degno di essere citato in quanto a fake news, è il caso della trasmissione radiofonica La guerra dei mondi di Orson Welles del 1938.

La trasmissione, messa in onda dalla CBS all'interno del programma radiofonico Mercury Theatre on the Air dello stesso Welles, fu uno degli esempi ancora oggi usati per descrivere il fenomeno della psicologia del panico.

La trasmissione radiofonica, mandata in onda in modo da sembrare una serie di comunicati da parte di autorità statunitensi (tra i quali scienziati, professori, e ufficiali).

Tale trasmissione non era stata creata con la finalità di diffondere una falsa notizia bensì tutt'altro, difatti, sia all'inizio che alla fine della trasmissione, fu messo in chiaro che si trattasse di un adattamento del romanzo di fantascienza di H. G. Wells, La guerra dei mondi.

Nonostante la dichiarazione dello stesso Welles, molti ascoltatori, sintonizzati successivamente all’inizio del programma, credettero che si trattasse di una notizia vera.

È importante sottolineare però, che l’intento principale della trasmissione fu quello di intrattenere il pubblico la vigilia della notte di Halloween.

Il contenuto radiofonico fu successivamente inteso come una burla a causa dell’esagerazione fornita dai giornali.

Infatti, la stampa volle rendere pubblica l’irresponsabilità della radio, considerando quest’ultima priva di una guida.

A conferma di ciò, Lyman Bryson dichiarò che "la radio è uno dei più pericolosi elementi della cultura moderna".

La situazione creatasi, venne infatti usata al fine di illustrare le già presenti controversie tra la stampa e la radio.

Il caso della Guerra dei Mondi è utile per sottolineare la possibile strumentalizzazione dei mezzi di comunicazione per diffondere fake news.

Un'altro classico caso di falsa notizia in anni relativamente più recenti è considerato il discorso di Colin Powell al Consiglio di Sicurezza dell'ONU, il 5 febbraio 2003.

L'allora Segretario di Stato del Presidente George W. Bush, mostrando alla platea una fiala di presunto antrace, rivelò di possedere informazioni riguardanti dei programmi di proliferazione chimica e batteriologica del regime iracheno.

Successivamente si scoprì che la fonte di Powell era un ingegnere chimico iracheno, il quale anni dopo ammise di essersi inventato tutto.

Le sue dichiarazioni furono ulteriormente smentite dalle ispezioni ONU successive al 2003.

Sei un esperto, uno studioso o sei interessato alla materia?

Compila il form, puoi proporre un contributo al nostro articolo, oppure presentarci eventuali domande, richieste di approfondimento, nonché personali aspetti di interesse che vorresti né diventassero integrazione.

Ovviamente non rispondiamo ad ogni messaggio, tuttavia li leggiamo tutti con molta attenzione.

Alcuni infatti, richiedono private considerazioni, altri daranno vita alla composizione di apposite, e opportunamente anonimizzate, domande frequenti che pubblicheremo sul sito, i restanti, invece, oltre a poter costituire “oggetto” di apposite prospettive di indagine e verifica, potranno suggerire argomenti di futura trattazione dei nostri articoli.

Grazie per l’eventuale contributo

Buon lavoro a tutti.
Italiana Investigatori Network

Rilascio il consenso *
(GDPR 2016/679 UE)

Investigazioni aziendali
Investigazioni aziendali

Un sistema aziendale è paragonabile ad un orologio che, composto da un numero di ingranaggi proporzionale alla complessità del progetto e degli automatismi, basa la sua efficacia sulla perfetta combinazione dei movimenti di ogni componente.

Scopri di più
Investigazioni personali coniugali e familiari
Investigazioni personali coniugali e familiari

L’ambito familiare, nell'aspettativa delle persone, è desiderio di poter coltivare un “giardino segreto” per la propria esistenza. La cornice e la sede delle emozioni più alte, l’amore di una vita, i figli nati da tale amore, i propri genitori, i propri cari.

Scopri di più
Investigazioni per controllo dipendenti
Investigazioni per controllo dipendenti

Il valore superiore intorno al quale verte tutto il settore delle investigazioni sui dipendenti, si incentra su una dimensione a tutto tondo dei concetti di fiducia e fiduciarietà.

Scopri di più
Indagini di corporate governance
Indagini di corporate governance

Servizi disegnati a salvaguardia degli stakeholders, dei soci e dei loro soggetti di riferimento all’interno dell’organizzazione, a garanzia del consiglio di amministrazione e del board dirigenziale o del suo management.

Scopri di più
Indagini particolari
Indagini particolari

Il novero delle indagini che hanno elementi "peculiari" tali, da non rientrare in nessuno degli ambiti “caratterizzati”, oppure che hanno profili di multidisciplinarietà che ne consentirebbero una trattazione sovrapposta fra diverse aree.

Scopri di più
Investigazioni per studi legali
Investigazioni per studi legali

In tutte le fattispecie nelle quali si rende necessaria l’acquisizione di prove, finalizzate a far valere o tutelare un diritto in sede giudiziale, entra in gioco l’attività dell’investigatore privato, il cui campo d’azione, prima limitato alle sole controversie civilistiche in senso ampio, si è ampliato alla procedura penale.

Scopri di più
Indagini settoriali e industriali
Indagini settoriali e industriali

In questa categoria, si è pensato di rivisitare analiticamente tutto l’elenco dei macro-settori di attività economica, per segnalare quegli ambiti nei quali il ruolo dell’investigatore privato può sviluppare una serie di rilevanti sinergie.

Scopri di più
Servizi di sicurezza aziendale e personale
Servizi di sicurezza aziendale e personale

L’attività che contraddistingue tale disciplina è lo studio, lo sviluppo, l’attuazione di strategie, politiche, piani di emergenza tesi alla prevenzione, contrasto e soluzione di eventi dolosi o colposi, progettati per provocare danno a persone, risorse materiali e immateriali, organizzative ed umane dell’azienda.

Scopri di più
Investigazioni commerciali patrimoniali e finanziarie
Investigazioni commerciali patrimoniali e finanziarie

Seguendo il portato dell’antico detto popolare “dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”, è opportuno approfondire tutti gli aspetti relativi ad attuali, o potenziali futuri, interlocutori.

Scopri di più
Due diligence e Audit
Due diligence e Audit

Originariamente nata con la precisa caratteristica di essere uno strumento di controllo e validazione di dati esistenti, è stata successivamente affiancata da un’attività previsionale e programmatica, tesa a delineare con affidabile precisione quelli che, tecnicamente, sono stati definiti: “best and worst case scenario”.

Scopri di più
Investigazioni per recupero crediti
Investigazioni per recupero crediti

Molte agenzie investigative hanno scelto di applicarsi, anche con tecnologie e know-how propri, al mondo dei crediti di difficile recuperabilità. Fenomeno i cui volumi si sono accresciuti in un momento che registra una delle crisi economico-finanziarie più gravi di tutti i tempi.

Scopri di più
Indagini su frodi assicurative
Indagini su frodi assicurative

Le frodi assicurative, a volte, assumono l’articolazione propria di una trama cinematografica in cui si muovono diversi attori, come falsi testimoni, o avvocati e medici di scarso spessore deontologico, oppure altri esponenti attivi nella filiera della liquidazione del sinistro che ricoprono un ruolo per orchestrare azioni illecite a danno delle assicurazioni.

Scopri di più
Bonifiche Ambientali, Tecnologiche e Digitali
Bonifiche Ambientali, Tecnologiche e Digitali

Sempre più spesso, il compito dell’agenzia investigativa è quello di verificare, nei più svariati contesti di vita personale, personalissima, lavorativa e professionale, che la piena libertà di espressione, pensiero ed azione di un individuo (persona fisica, azienda, etc.) sia totalmente esente dai rischi di “intercettazione”.

Scopri di più
Investigazioni digitali
Investigazioni digitali

I reati più classici, come ad esempio la rapina, si sono affinati in chiave tecnologica, mantenendone, tuttavia, la stessa odiosità ed afflittività. Diventa ininfluente trovarci di fronte ad un malintenzionato, mascherato e travisato, che ci punta una pistola oppure ad un hacker che “saccheggia” i dati della nostra carta di credito per sottrarre fondi di nostra piena ed esclusiva proprietà.

Scopri di più
Indagini tecniche e scienze forensi
Indagini tecniche e scienze forensi

Le moderne investigazioni forensi trattano dell’applicazione di tecniche e metodologie scientifiche a tutto il sistema delle investigazioni di carattere giudiziario, onde consentire l’accertamento di un reato, il suo autore, il nesso eziologico tra condotta e reato, nonché tutte le condizioni di contorno che caratterizzano ogni “unicum” costituito da una fattispecie.

Scopri di più
Cybersecurity
Cybersecurity

La varietà degli attacchi informatici è caleidoscopica. Spazia dalla vulnerabilità “0Day”, allo “Spear Phishing”, al “Malware Fineless” residente solo sulla memoria RAM, al “Ransomware”, ad attacchi DDoS (Distributed Denial of Service), alle tecniche “Man In The Mail” e “Man In The Middle”.

Scopri di più