FAQ. Investigazioni? Le domande ricorrenti

La storia delle investigazioni private

L’investigazione privata nella sua forma più remota nasce in Francia nei primi dell’800, la Sueretè era difatti un particolare servizio di polizia che vantava nel suo organico solamente ex-detenuti, lo scopo era quello di infiltrarsi in un tessuto sociale altrimenti impermeabile.

 

La storia delle investigazioni private


Cenni storici, evoluzione e future prospettive:

L’investigazione privata nella sua forma più remota nasce in Francia nei primi dell’800, la Sueretè era difatti un particolare servizio di polizia che vantava nel suo organico solamente ex-detenuti, lo scopo era quello di infiltrarsi in un tessuto sociale altrimenti impermeabile.


Il referente della Sueretè, Eugene-Francois Vidocq, una volta dimessosi dalla propria carica costituì il “Bureau de renseignements puor le commerce”, che potremmo definire a tutti gli effetti essere la prima agenzia investigativa, poiché impegnata a reperire, analizzare e successivamente fornire dietro corrispettivo dei clienti, informazioni confidenziali di carattere prevalentemente commerciale.

Quasi in parallelo negli Stati Uniti, a Chicago, Allan Pinkerton fondava la sua agenzia Pinkerton National Detective Agency, dando quei connotati che tutt’oggi persistono: utilizzo di risorse confidenziali, forte legame con l’autorità pubblica, capacità di adattarsi alle mutevoli esigenze dei clienti, assoluta riservatezza.

Pinkerton divenne famoso per aver scoperto il complotto per omicidio del candidato alla presidenza degli Stati Uniti, Abramo Lincoln, salvandogli la vita in un attentato a Baltimora che precedette quello fatale di Washington, che assunse gli agenti di Pinkerton come guardie del corpo durante la Guerra Civile. Allan Pinkerton assunse Kate Warne nel 1856 come detective privato, facendo di lei la prima investigatrice privata donna in America.  Agenti Pinkerton sono stati assunti per monitorare fuorilegge occidentali come Jesse James, i fratelli Reno, e il “Wild Bunch”, tra cui Butch Cassidy e Sundance Kid.

L’agenzia Pinkerton applico operatività innovative, archiviando una quantità, per l’epoca, enorme di dati e documenti su sospetti criminali (pratica emulata dell’FBI dopo la costituzione nel 1908), e la classificazione di un embrionale schedario criminale fotografico. Non dimenticando le numerose ricerche, che si attribuiscono all’agenzia, svolte undercover (sotto copertura) o mediante sfibranti sorveglianze.

Negli Stati Uniti la figura del detective privato fu ampliamente riconosciuta, istituzioni bancarie e industriali oltre che cittadini privati, hanno da sempre considerato questa attività un elemento essenziale per arginare problemi o essere più competitive.

La cultura anglosassone recepì quindi molto rapidamente l’importanza di tali imprese, assegnando talvolta anche funzioni di polizia giudiziaria e di supporto per alcune indagini particolarmente complesse.

Nel vecchio continente, partitamente in Francia, Germania e Italia, gli investigatori privati e le investigazioni private ebbero una espansione più fiacca occupandosi prevalentemente di tematiche di sicurezza,


Le investigazioni private in Italia

Nell’Italia preunitaria non esistevano strutture organizzate di “Polizia Privata”, ad eccezione di isolate offerte di servizi per la tutela della proprietà privata, che, molto spesso costituivano vere e proprie milizie difficilmente controllabili dall’autorità centrale.

Le prime attenzioni del legislatore risalgono al 1914: il Ministero degli Interni emanò un provvedimento che disciplinava i requisiti richiesti alle “Guardie Private”. Obbligo della maggior età, aver assolto la leva, saper leggere e scrivere, nonché specialmente, non aver subito condanne penali ed essere “persone oneste e dabbene”. Caratteristiche che decalcano l’odierna dottrina.

Solo nel primo dopoguerra si emanò una regolamentazione maggiormente completa, il Testo Unico del novembre 1926. La direttiva si dimostrava un perfezionamento della precedente disciplina del 1914 ed un primo passo verso la trasformazione dell’investigatore privato come professione, fondamento e premessa fu l’introduzione del divieto di eseguire investigazioni e ricerche senza licenza del Prefetto.

Questo dato che ai contemporanei può sembrare una ovvietà, costituisce un enorme passo avanti, si sottraeva alla libera iniziativa un “mestiere” già allora considerato sensibile e si sottoponeva a un controllo chiunque avesse intrapreso questa attività.

Nonostante la normativa “ritagliata” appositamente per le agenzie di investigazione ed investigatori privati dal legislatore, tali istituti erano malvisti, infatti nel 1928, le prime normative furono rivolte al divieto di “dotare” di licenza qualsiasi organizzazione individuale o collettiva impegnata a favore di operazioni potenzialmente limitanti per la libertà individuale, quali pedinamenti e appostamenti. Caratteristica fondamentale nell’attività degli stessi professionisti.

Era previsto l’arresto fino a due anni e la circolare impartiva agli organi di polizia di eseguire frequentissimi controlli sulle agenzie investigative, al fine di revocare “l’abilitazione-licenza” a chiunque non rispettasse le disposizioni.

Fu introdotto nel 1929, l’obbligo (ex art. 275), ancora in vigore, di “comunicare al Prefetto gli elenchi del personale dipendente” oltre a “dare notizia, appena si verifichi, di ogni variazione intervenuta, restituendo i decreti di nomina delle guardie che avessero cessato il servizio”.


Il TULPS

Nel 1931 vennero definitivamente perfezionate e regolamentate le materie ed il funzionamento degli “Istituti di Investigazioni Private e di Informazioni Commerciali”, con l’introduzione del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (TULPS), approvato con Regio Decreto il 18 giugno 1931: normativa rimasta quasi invariata fino al 2010.

Anche in questo decreto si rifletteva l’attenzione particolare riposta dal legislatore riguardo la “qualità” morale della persona.

Il decreto disciplinava un notevole elenco di professioni: agenzie di affari, pompe funebri, agenzie matrimoniali, etc. tra cui anche la professione svolta da investigatori privati ed agenzie.

Ormai la linea era tracciata, si dava un definitivo assetto alle norme sulla raccolta delle informazioni commerciali e sull’attività d’indagini private.

Chi scrive ci tiene a rimarcare come la genesi di questo mestiere non è da ricercare nell’infedeltà coniugale, bensì nella volontà di primeggiare nella pratica del commercio o garantirsi la sicurezza patrimoniale.

L’articolo di riferimento era, e resta il 134: “Senza licenza del Prefetto è vietato ad enti o privati di prestare opere di vigilanza o custodia di proprietà mobiliari od immobiliari e di eseguire investigazioni o ricerche o di raccogliere informazioni per conto di privati (…).

La licenza non può essere concessa alle persone che non abbiano la cittadinanza italiana o siano incapaci di obbligarsi o abbiano riportato condanna per delitto non colposo (…).

La licenza non può essere concessa per operazioni che importano un esercizio di pubbliche funzioni o una menomazione della libertà individuale (…)”.

Segue la disciplina dell’art. 135 che recita: “I direttori degli Istituti di Investigazioni devono inoltre tenere nei locali del loro ufficio permanentemente affissa in modo visibile la tabella delle operazioni alle quali attendono, con la tariffa delle relative mercedi”.

Una pubblicità di questa specie, seppur con i dovuti aggiornamenti è ancora richiesta ai titolari di agenzia.

L’art 136 rinnova il pensiero: La licenza è ricusata a chi non dimostri di possedere la capacità tecnica ai servizi che intende esercitare. La revoca della licenza importa l’immediata cessazione delle funzioni delle guardie che dipendono dall’ufficio. L’autorizzazione può essere negata o revocata per ragioni di sicurezza pubblica o di ordine pubblico”.

Inoltre, la licenza, poiché legata alle “qualità” specialmente morali, del singolo individuo, viene rilasciata senza a possibilità di essere ceduta a soggetti diversi della persona che l’ha ottenuta, sono quindi da escludersi possibilità di cessione, rivendita, subentro od eredità.

A rimarcare il legame con la pubblica autorità è l’articolo 139 del Tulps: Gli uffici di vigilanza e di investigazione privata sono tenuti a prestare la loro opera a richiesta dell’autorità di pubblica sicurezza e i loro agenti sono obbligati ad aderire a tutte le richieste ad essi rivolte dagli ufficiali o dagli agenti di pubblica sicurezza o di polizia giudiziaria”.

Le circostanze in cui si è concretizzata quest’evenienza sono rarissime, tuttavia il concretizzarsi di illeciti penali e amministrativi da parte degli operatori. nello svolgimento dell’attività professionale. è stato piuttosto frequente.

Gli anni dopoguerra e del boom economico

Solo nell’Italia del dopoguerra cresce l’esigenza da parte di tutti gli operatori economici di reperire informazioni commerciali, connesse principalmente alla solvibilità ed alla reputazione creditizia di soggetti in genere, privati ed aziende.

Tale circostanza si rivelò favorevole al “catalogo” dei servizi offerti dalle agenzie investigative che ne giovarono dal punto di vista organizzativo e tecnico nonché economico evolvendo i propri assets in una politica di radicamento territoriale.

Altra questione riguardava l’articolo 559 del codice penale, si puniva l’adulterio con la reclusione, tale previsione oltre a essere palesemente incostituzionale, veniva anche applicata con amplissima discrezionalità, con il risultato che solo la moglie era punibile ai termini di legge, il marito veniva tacitamente autorizzato ad avere relazione extra-coniugali, purché non mantenesse pubblicamente una concubina, si può dire che questa norma diede non poco slancio alle agenzie investigative, la Corte Costituzionale non tardo molto a eliminare nel 1969 questa disciplina.

La depenalizzazione del “reato” stravolse la percezione sociale in tematiche di infedeltà coniugale ed una conseguente riduzione degli incarichi investigativi richiesti dalla clientela alle agenzie di investigazione.


Lo statuto dei lavoratori e lo scandalo delle intercettazioni

La sintesi fra stagioni politiche e tensioni sociali portò alla legge 300/1970, meglio nota come “statuto dei lavoratori”.

Il cardine della riforma stava nell’assoluto divieto per il personale di vigilanza e per le agenzie investigative, di esercitare una qualsiasi forma di controllo sui lavoratori. L’ambito di intervento quindi poteva riguardare solo ed esclusivamente il patrimonio aziendale.

Il testo disciplinava anche i controlli audio-visivi, facendone espresso divieto per utilizzi diversi dal mero controllo delle strutture.

L’art. 8 introdusse l’espresso divieto di indagare sulle opinioni politiche, religiose e sindacali, nonché su fatti non rilevanti ai fini della valutazione dell’attitudine professionale del lavoratore.

Un chiaro monito per qualunque datore di lavoro che avesse voluto intraprendere azioni intimidatorie sui lavoratori avvalendosi di investigatori privati.

Nel 1973 la magistratura portò alla luce un sistema di intercettazioni a danno di imprenditori, personaggi mediatici e personaggi politici: 12 centri occulti investivano ingenti risorse per trascrivere e catalogare conversazioni di carattere privato e confidenziali.

In questa rete erano convolti, a vario titolo, esponenti deviati dei servizi segreti nazionali e investigatori privati.

Questo fece sì che nel 1974, fu approvata la legge sulla tutela della riservatezza, delle libertà e segretezza delle comunicazioni, che sanzionò pesantemente gli illeciti, soprattutto se compiuti da privati o da cariche dele diverse istituzioni statali.

Nei primi anni ’90 in Italia, con il primo timido avvento della digitalizzazione delle imprese, le agenzie investigative collaudano un settore prima sconosciuto, direttamente connesso all’odierno problema della sovra-produzione di dati.

Sei un esperto, uno studioso o sei interessato alla materia?

Compila il form, puoi proporre un contributo al nostro articolo, oppure presentarci eventuali domande, richieste di approfondimento, nonché personali aspetti di interesse che vorresti né diventassero integrazione.

Ovviamente non rispondiamo ad ogni messaggio, tuttavia li leggiamo tutti con molta attenzione.

Alcuni infatti, richiedono private considerazioni, altri daranno vita alla composizione di apposite, e opportunamente anonimizzate, domande frequenti che pubblicheremo sul sito, i restanti, invece, oltre a poter costituire “oggetto” di apposite prospettive di indagine e verifica, potranno suggerire argomenti di futura trattazione dei nostri articoli.

Grazie per l’eventuale contributo

Buon lavoro a tutti.
Italiana Investigatori Network

Rilascio il consenso *
(GDPR 2016/679 UE)

Investigazioni aziendali
Investigazioni aziendali

Un sistema aziendale è paragonabile ad un orologio che, composto da un numero di ingranaggi proporzionale alla complessità del progetto e degli automatismi, basa la sua efficacia sulla perfetta combinazione dei movimenti di ogni componente.

Scopri di più
Investigazioni personali coniugali e familiari
Investigazioni personali coniugali e familiari

L’ambito familiare, nell'aspettativa delle persone, è desiderio di poter coltivare un “giardino segreto” per la propria esistenza. La cornice e la sede delle emozioni più alte, l’amore di una vita, i figli nati da tale amore, i propri genitori, i propri cari.

Scopri di più
Investigazioni per controllo dipendenti
Investigazioni per controllo dipendenti

Il valore superiore intorno al quale verte tutto il settore delle investigazioni sui dipendenti, si incentra su una dimensione a tutto tondo dei concetti di fiducia e fiduciarietà.

Scopri di più
Indagini di corporate governance
Indagini di corporate governance

Servizi disegnati a salvaguardia degli stakeholders, dei soci e dei loro soggetti di riferimento all’interno dell’organizzazione, a garanzia del consiglio di amministrazione e del board dirigenziale o del suo management.

Scopri di più
Indagini particolari
Indagini particolari

Il novero delle indagini che hanno elementi "peculiari" tali, da non rientrare in nessuno degli ambiti “caratterizzati”, oppure che hanno profili di multidisciplinarietà che ne consentirebbero una trattazione sovrapposta fra diverse aree.

Scopri di più
Investigazioni per studi legali
Investigazioni per studi legali

In tutte le fattispecie nelle quali si rende necessaria l’acquisizione di prove, finalizzate a far valere o tutelare un diritto in sede giudiziale, entra in gioco l’attività dell’investigatore privato, il cui campo d’azione, prima limitato alle sole controversie civilistiche in senso ampio, si è ampliato alla procedura penale.

Scopri di più
Indagini settoriali e industriali
Indagini settoriali e industriali

In questa categoria, si è pensato di rivisitare analiticamente tutto l’elenco dei macro-settori di attività economica, per segnalare quegli ambiti nei quali il ruolo dell’investigatore privato può sviluppare una serie di rilevanti sinergie.

Scopri di più
Servizi di sicurezza aziendale e personale
Servizi di sicurezza aziendale e personale

L’attività che contraddistingue tale disciplina è lo studio, lo sviluppo, l’attuazione di strategie, politiche, piani di emergenza tesi alla prevenzione, contrasto e soluzione di eventi dolosi o colposi, progettati per provocare danno a persone, risorse materiali e immateriali, organizzative ed umane dell’azienda.

Scopri di più
Investigazioni commerciali patrimoniali e finanziarie
Investigazioni commerciali patrimoniali e finanziarie

Seguendo il portato dell’antico detto popolare “dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”, è opportuno approfondire tutti gli aspetti relativi ad attuali, o potenziali futuri, interlocutori.

Scopri di più
Due diligence e Audit
Due diligence e Audit

Originariamente nata con la precisa caratteristica di essere uno strumento di controllo e validazione di dati esistenti, è stata successivamente affiancata da un’attività previsionale e programmatica, tesa a delineare con affidabile precisione quelli che, tecnicamente, sono stati definiti: “best and worst case scenario”.

Scopri di più
Investigazioni per recupero crediti
Investigazioni per recupero crediti

Molte agenzie investigative hanno scelto di applicarsi, anche con tecnologie e know-how propri, al mondo dei crediti di difficile recuperabilità. Fenomeno i cui volumi si sono accresciuti in un momento che registra una delle crisi economico-finanziarie più gravi di tutti i tempi.

Scopri di più
Indagini su frodi assicurative
Indagini su frodi assicurative

Le frodi assicurative, a volte, assumono l’articolazione propria di una trama cinematografica in cui si muovono diversi attori, come falsi testimoni, o avvocati e medici di scarso spessore deontologico, oppure altri esponenti attivi nella filiera della liquidazione del sinistro che ricoprono un ruolo per orchestrare azioni illecite a danno delle assicurazioni.

Scopri di più
Bonifiche Ambientali, Tecnologiche e Digitali
Bonifiche Ambientali, Tecnologiche e Digitali

Sempre più spesso, il compito dell’agenzia investigativa è quello di verificare, nei più svariati contesti di vita personale, personalissima, lavorativa e professionale, che la piena libertà di espressione, pensiero ed azione di un individuo (persona fisica, azienda, etc.) sia totalmente esente dai rischi di “intercettazione”.

Scopri di più
Investigazioni digitali
Investigazioni digitali

I reati più classici, come ad esempio la rapina, si sono affinati in chiave tecnologica, mantenendone, tuttavia, la stessa odiosità ed afflittività. Diventa ininfluente trovarci di fronte ad un malintenzionato, mascherato e travisato, che ci punta una pistola oppure ad un hacker che “saccheggia” i dati della nostra carta di credito per sottrarre fondi di nostra piena ed esclusiva proprietà.

Scopri di più
Indagini tecniche e scienze forensi
Indagini tecniche e scienze forensi

Le moderne investigazioni forensi trattano dell’applicazione di tecniche e metodologie scientifiche a tutto il sistema delle investigazioni di carattere giudiziario, onde consentire l’accertamento di un reato, il suo autore, il nesso eziologico tra condotta e reato, nonché tutte le condizioni di contorno che caratterizzano ogni “unicum” costituito da una fattispecie.

Scopri di più
Cybersecurity
Cybersecurity

La varietà degli attacchi informatici è caleidoscopica. Spazia dalla vulnerabilità “0Day”, allo “Spear Phishing”, al “Malware Fineless” residente solo sulla memoria RAM, al “Ransomware”, ad attacchi DDoS (Distributed Denial of Service), alle tecniche “Man In The Mail” e “Man In The Middle”.

Scopri di più