FAQ. Investigazioni per controllo dipendenti

Che cosa si intende per malattia simulata?

Il termine malattia simulata, in ambito lavorativo, viene utilizzato per descrivere la condotta di un lavoratore che finge di essere malato per assentarsi dal luogo di lavoro.

Che cosa si intende per malattia simulata?


Le motivazioni di questa condotta possono essere le più svariate, ad esempio, il dipendente potrebbe svolgere un secondo lavoro in proprio od a favore di un competitor, oppure di voler trascorre del tempo libero indebitamente retribuito.

L'assenteismo è un fenomeno psico-sociologico che si ha quando un lavoratore manca dal luogo di lavoro per un tempo più o meno prolungato per propria volontà o per cause non giustificate.


La principale causa di assenteismo è la malattia. Questa però va distinta tra malattia effettiva e malattia, invece, non reale.

Nel primo caso essa può essere provocata, in maniera più o meno diretta, dall'azienda attraverso il non rispetto delle norme sulla sicurezza sul lavoro, oppure essere dovuta a fattori esterni al luogo di lavoro e legati alla vita personale del lavoratore.

Nel caso in cui la malattia sia di fatto non reale, essa rappresenta una scusa che maschera altri disagi provati dal lavoratore o che nasconde problemi connessi alle sue mansioni.

I motivi per cui un dipendente si assenta dal lavoro senza che vi sia un effettivo malessere fisico che impedisce la presenza sul luogo di lavoro e la prestazione richiesta dal contratto sono:

- Un cattivo clima lavorativo con i colleghi, con i capi o con entrambi. Questo può essere dovuto ai comportamenti tenuti, alla comunicazione non buona o assente, alla non adeguata chiarezza informativa.

- Un'organizzazione del lavoro che causa un sovraccarico del lavoro per il dipendente provocandogli stress, problemi di salute, scarsa soddisfazione personale e lenendo la sua motivazione verso la mansione e verso l'azienda stessa.

- Un senso di precarietà che l'azienda trasmette più o meno consapevolmente al lavoratore, portandolo a perdere motivazione e facendolo sentire insicuro anche riguardo alle proprie capacità.

- Un'assenza di feedback da parte dei superiori, una retribuzione inadeguata o bassa e una scarsa possibilità di far carriera, possono portare il dipendente a perdere fiducia nell'azienda, a non impegnarsi nel lavoro e a perdere autostima.

I motivi sopra enumerati sono validi anche per quei casi di assenteismo che si manifestano come mancanza di puntualità o assenze brevi non giustificate.

Non si considera invece assenteismo la non presenza legata ad agitazioni di carattere sindacale quali scioperi (che normalmente non vengono retribuiti) e assemblee autorizzate.

L'assenteismo inoltre è un fenomeno sociologico direttamente collegato al comportamento sia dei singoli che delle imprese e alle condizioni di lavoro complessive.

Infatti, condizioni e ambienti di lavoro soddisfacenti e motivanti si sono dimostrati fattori essenziali nel ridurre l'assenteismo, mentre condizioni opposte, unite alla disaffezione o alla scarsità di controlli da parte dell'azienda, favoriscono al contrario il fenomeno.

Le motivazioni di questa condotta tuttavia, potrebbero essere le più svariate, ad esempio, il dipendente potrebbe svolgere un secondo lavoro in proprio od a favore di un competitor, oppure di voler trascorre del tempo libero indebitamente retribuito: anche se attestata da un eventuale corredo documentale medico (certificati, etc.).

Infatti, minuziose evidenze che attestino il sospetto che un dipendente abbia simulato o addirittura “inscenato” un falso stato di malattia o un “assenteismo tattico”, sono ragione di licenziamento per giusta causa, da parte del datore di lavoro.

Le visite fiscali, ovvero gli accertamenti disposti a presidio di tali condotte perpetrate dai lavoratori a danno delle aziende, che vengono operate dall’Istituto Nazionale Previdenza Sociale (INPS) o dall’Azienda Sanitaria Locale (ASL), si sono spesso rivelate inadeguate a contrastare il fenomeno.

Per questo motivo è facoltà dell’imprenditore o datore di lavoro, poter dimostrare l’illecito utilizzo dei permessi di malattia, e le conseguenti sanzioni previste dalla “simulazione fraudolenta dello stato di malattia”.

Sono numerose le sentenze della Cassazione in materia: 16 agosto 2016 n. 17113), non importa tanto l’attestazione fatta dal medico curante quanto l’effettività della patologia.

Tuttavia le certificazioni mediche possono essere contestate dal datore di lavoro attraverso la valorizzazione di ogni circostanza di fatto volta a dimostrare l’insussistenza dalla malattia o quantomeno uno stato di incapacità lavorativa tale da giustificare l’assenza.

Pertanto, è risaputo che la mancanza del legame di fiducia fra datore di lavoro e lavoratore dipendente rende inevitabilmente impossibile la continuazione dell'attività lavorativa.

L’intenzionalità del fenomeno di simulazione della malattia allo scopo di assentarsi sistematicamente dal proprio luogo di lavoro per svolgere un altro o dedicarsi ad altri impegni, è ritenuta motivazione di inosservanza dei doveri tra cui quelli di fedeltà: Cass. 12.4.1985, n. 2434.

Nonchè di negligenza nell’esecuzione delle proprie obbligazioni: Cass. 2.11.1995, n. 11355, e, in generale, dei principi di buona fede e correttezza vigenti in materia contrattuale: Cass. 6.10.2005, n. 19414, in Orient. Giur. Lav., 2005, 835.

Infatti, ricordiamo che è facoltà dell’imprenditore o datore di lavoro, poter raccogliere elementi di prova utili ad attestare la veridicità di comportamenti illegittimi adottati da dipendenti, anche avvalendosi di agenzie di investigazione.

L'assenteismo non viene riconosciuto come motivo (o giusta causa) di licenziamento; se, invece, viene considerato come abuso o come un mancato motivo giustificabile per la mancata presenza, il datore di lavoro può licenziare.

Infatti il definito "assenteismo tattico" può creare disagio sia nell'organizzazione che agli altri lavoratori.

In generale, in Italia la legislazione sull'assenteismo si basa sulle direttive dell'Unione europea che decreta che nel nostro Paese, sia necessario il certificato medico al rientro al lavoro, il cui periodo massimo di assenza è di 52 settimane, come nella maggior parte dei Paesi.

Poi il lavoratore in malattia non è indennizzato per i primi tre giorni di assenza e, come in molti Stati, compresa l'Italia, tramite gli accordi collettivi o i contratti di lavoro, si possono invece attestare la retribuzione completa o integrativa, pagata del datore di lavoro.

In Italia nel D. Lgs. n. 78/2009 vengono aumentate le fasce orarie in cui il lavoratore assente deve essere reperibile: si passa così da 4 a 11 ore in cui è obbligatorio il certificato medico dopo due fatti consecutivi dell'assenza nello stesso anno solare o un'assenza che superiori i 10 giorni. Si controlla la modalità di calcolo per indennità di amministrazione.

Sei un esperto, uno studioso o sei interessato alla materia?

Compila il form, puoi proporre un contributo al nostro articolo, oppure presentarci eventuali domande, richieste di approfondimento, nonché personali aspetti di interesse che vorresti né diventassero integrazione.

Ovviamente non rispondiamo ad ogni messaggio, tuttavia li leggiamo tutti con molta attenzione.

Alcuni infatti, richiedono private considerazioni, altri daranno vita alla composizione di apposite, e opportunamente anonimizzate, domande frequenti che pubblicheremo sul sito, i restanti, invece, oltre a poter costituire “oggetto” di apposite prospettive di indagine e verifica, potranno suggerire argomenti di futura trattazione dei nostri articoli.

Grazie per l’eventuale contributo

Buon lavoro a tutti.
Italiana Investigatori Network

Rilascio il consenso *
(GDPR 2016/679 UE)

Investigazioni aziendali
Investigazioni aziendali

Un sistema aziendale è paragonabile ad un orologio che, composto da un numero di ingranaggi proporzionale alla complessità del progetto e degli automatismi, basa la sua efficacia sulla perfetta combinazione dei movimenti di ogni componente.

Scopri di più
Investigazioni personali coniugali e familiari
Investigazioni personali coniugali e familiari

L’ambito familiare, nell'aspettativa delle persone, è desiderio di poter coltivare un “giardino segreto” per la propria esistenza. La cornice e la sede delle emozioni più alte, l’amore di una vita, i figli nati da tale amore, i propri genitori, i propri cari.

Scopri di più
Investigazioni per controllo dipendenti
Investigazioni per controllo dipendenti

Il valore superiore intorno al quale verte tutto il settore delle investigazioni sui dipendenti, si incentra su una dimensione a tutto tondo dei concetti di fiducia e fiduciarietà.

Scopri di più
Indagini di corporate governance
Indagini di corporate governance

Servizi disegnati a salvaguardia degli stakeholders, dei soci e dei loro soggetti di riferimento all’interno dell’organizzazione, a garanzia del consiglio di amministrazione e del board dirigenziale o del suo management.

Scopri di più
Indagini particolari
Indagini particolari

Il novero delle indagini che hanno elementi "peculiari" tali, da non rientrare in nessuno degli ambiti “caratterizzati”, oppure che hanno profili di multidisciplinarietà che ne consentirebbero una trattazione sovrapposta fra diverse aree.

Scopri di più
Investigazioni per studi legali
Investigazioni per studi legali

In tutte le fattispecie nelle quali si rende necessaria l’acquisizione di prove, finalizzate a far valere o tutelare un diritto in sede giudiziale, entra in gioco l’attività dell’investigatore privato, il cui campo d’azione, prima limitato alle sole controversie civilistiche in senso ampio, si è ampliato alla procedura penale.

Scopri di più
Indagini settoriali e industriali
Indagini settoriali e industriali

In questa categoria, si è pensato di rivisitare analiticamente tutto l’elenco dei macro-settori di attività economica, per segnalare quegli ambiti nei quali il ruolo dell’investigatore privato può sviluppare una serie di rilevanti sinergie.

Scopri di più
Servizi di sicurezza aziendale e personale
Servizi di sicurezza aziendale e personale

L’attività che contraddistingue tale disciplina è lo studio, lo sviluppo, l’attuazione di strategie, politiche, piani di emergenza tesi alla prevenzione, contrasto e soluzione di eventi dolosi o colposi, progettati per provocare danno a persone, risorse materiali e immateriali, organizzative ed umane dell’azienda.

Scopri di più
Investigazioni commerciali patrimoniali e finanziarie
Investigazioni commerciali patrimoniali e finanziarie

Seguendo il portato dell’antico detto popolare “dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”, è opportuno approfondire tutti gli aspetti relativi ad attuali, o potenziali futuri, interlocutori.

Scopri di più
Due diligence e Audit
Due diligence e Audit

Originariamente nata con la precisa caratteristica di essere uno strumento di controllo e validazione di dati esistenti, è stata successivamente affiancata da un’attività previsionale e programmatica, tesa a delineare con affidabile precisione quelli che, tecnicamente, sono stati definiti: “best and worst case scenario”.

Scopri di più
Investigazioni per recupero crediti
Investigazioni per recupero crediti

Molte agenzie investigative hanno scelto di applicarsi, anche con tecnologie e know-how propri, al mondo dei crediti di difficile recuperabilità. Fenomeno i cui volumi si sono accresciuti in un momento che registra una delle crisi economico-finanziarie più gravi di tutti i tempi.

Scopri di più
Indagini su frodi assicurative
Indagini su frodi assicurative

Le frodi assicurative, a volte, assumono l’articolazione propria di una trama cinematografica in cui si muovono diversi attori, come falsi testimoni, o avvocati e medici di scarso spessore deontologico, oppure altri esponenti attivi nella filiera della liquidazione del sinistro che ricoprono un ruolo per orchestrare azioni illecite a danno delle assicurazioni.

Scopri di più
Bonifiche Ambientali, Tecnologiche e Digitali
Bonifiche Ambientali, Tecnologiche e Digitali

Sempre più spesso, il compito dell’agenzia investigativa è quello di verificare, nei più svariati contesti di vita personale, personalissima, lavorativa e professionale, che la piena libertà di espressione, pensiero ed azione di un individuo (persona fisica, azienda, etc.) sia totalmente esente dai rischi di “intercettazione”.

Scopri di più
Investigazioni digitali
Investigazioni digitali

I reati più classici, come ad esempio la rapina, si sono affinati in chiave tecnologica, mantenendone, tuttavia, la stessa odiosità ed afflittività. Diventa ininfluente trovarci di fronte ad un malintenzionato, mascherato e travisato, che ci punta una pistola oppure ad un hacker che “saccheggia” i dati della nostra carta di credito per sottrarre fondi di nostra piena ed esclusiva proprietà.

Scopri di più
Indagini tecniche e scienze forensi
Indagini tecniche e scienze forensi

Le moderne investigazioni forensi trattano dell’applicazione di tecniche e metodologie scientifiche a tutto il sistema delle investigazioni di carattere giudiziario, onde consentire l’accertamento di un reato, il suo autore, il nesso eziologico tra condotta e reato, nonché tutte le condizioni di contorno che caratterizzano ogni “unicum” costituito da una fattispecie.

Scopri di più
Cybersecurity
Cybersecurity

La varietà degli attacchi informatici è caleidoscopica. Spazia dalla vulnerabilità “0Day”, allo “Spear Phishing”, al “Malware Fineless” residente solo sulla memoria RAM, al “Ransomware”, ad attacchi DDoS (Distributed Denial of Service), alle tecniche “Man In The Mail” e “Man In The Middle”.

Scopri di più